Airbnb: fra sharing economy, quotazioni in borsa e processi penali

Internazionale del 15 Dicembre pubblica on-line e sulla sua testata cartacea un interessante articolo che approfondisce le vicissitudini che sta attraversando Airbnb, noto sito che permette di affittare per brevi periodi stanze e appartamenti.

Il concetto che ha permesso ai tre ragazzi di San Francisco di avviare questa attività digitale è la libertà di poter arrotondare affittando i propri spazi immobiliari inutilizzati, liberamente e a prezzi molto contenuti.

Il problema di tutte le attività digitali che scavalcano e che rendono arcaici i vecchi modelli di business tradizionale come quello di hotel e b&b o come quello della mobilità – vedi Uber – risiede nella mancata regolamentazione per ogni paese in cui viene erogato il servizio. Una regolamentazione graduale associata ad un rilascio graduale dell’utilizzo e dello sfruttamento di tali piattaforme – vedi Spotify – sarebbe opportuno per non avere grattacapi con la legge e con le istituzioni locali, vedi l’esempio di San Francisco, dando il tempo necessario a tutti gli organi – amministrativi e sociali e sopratutto imprenditoriali – di prendere atto che la digitalizzazione di queste attività cambierà per sempre i modelli di business fino ad ora conosciuti/utilizzati.

L’accanimento giudiziario o le ganasce fiscali non servono a nulla, questi colossi della sharing economy hanno ormai le spalle larghe per fronteggiare processi, tanto che ormai possono già definirsi multinazionali al pari delle grandi catene o corporazioni che all’inizio volevano “combattere”.

Al momento quali sono i pro e i contro di queste attività? Ma sopratutto per chi?

Partiamo con i pro:

  • per i consumatori di questo servizio
  • per chi affitta i propri spazi
  • per i fondatori del sito che applicano commissioni guadagnando senza avere una proprietà

I contro:

  • per chi ha deciso di aprire un b&b o un hotel
  • per i governi e città che vedono svanire una buona parte di tasse
  • per i fondatori del sito che hanno a che fare con centinaia di regolamentazioni diverse paese per paese

 

Stefano Corradini
Seguimi

Stefano Corradini

WordPress è il mio mondo. Sono un nativo digitale che crea nuove realtà nel web. Appassionato di video e fotografia approfondisco continuamente le mie conoscenze nel campo della SEO e delle strategie comunicative all'interno dei Social Media.
Stefano Corradini
Seguimi

Latest posts by Stefano Corradini (see all)

Pubblicato da

Stefano Corradini

Wordpress è il mio mondo. Sono un nativo digitale che crea nuove realtà nel web. Appassionato di video e fotografia approfondisco continuamente le mie conoscenze nel campo della SEO e delle strategie comunicative all'interno dei Social Media.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *